MAP

Terzo “Aperitivo Inclusivo” in Friuli V.G., quarto in Italia

Lo scorso venerdì 29 settembre la nostra associazione MAP ha celebrato il 4° “Aperitivo Inclusivo” della serie di eventi a cadenza mensile inaugurati al Birimbao di Portogruaro lo scorso luglio, nata con la volontà di creare un occasione informale, girando in diverse provincie, per far conoscere le problematiche quotidiane dei disabili e per ricercare o studiare, proposte e soluzioni.

Questa volta ci ha ospitato il bar Movida di Sacile situato lungo il viale Della Repubblica, un luogo facile da raggiungere e dotato di un comodo parcheggio. La musica di sottofondo, la cortesia e premura del personale hanno fatto da splendida cornice al nostro incontro: abbiamo brindato ai nuovi associati, presentato i nostri percorsi di sostegno psicologico, utili non solo ai disabili ma anche a tutti coloro che denunciano un disagio nelle relazioni interpersonali, sia con famigliari e sia con colleghi di lavoro. Spesso non ce ne rendiamo conto: lo stress psicologico, prolungato nel tempo, spessissimo è causa anche di patologie fisiche di ogni tipo e gravità.
Per tali ragioni, stiamo organizzando un corso pratico sulle “Costellazioni famigliari” con il famoso Satyan per l’ultima domenica di ottobre a Udine.
Come promesso, abbiamo inoltre illustrato le potenzialità della Legge sul “Dopo di noi” e la possibilità di MAP di essere coinvolta come associazione rappresentativa, sia per le consulenze che per le certificazioni, con l’applicazione del proprio protocollo, dei luoghi adatti ad essere fruiti dalle fasce deboli, di cui i disabili sono una parte.
Inoltre, abbiamo illustrato la prospettiva di certificare due condomini di recente costruzione realizzati con i fondi della Regione, un’opportunità che speriamo possa essere replicata anche in altre regioni. Il logo di MAP è stato registrato al Ministero, grazie anche al sostegno dei nostri associati, per cui siamo ora operativi per applicarlo nei luoghi destinati alla fruizione pubblica.
Ogni anno, nel nostro sito web verrà pubblicato un elenco dei locali fruibili ai disabili, che avranno richiesto la certificazione MAP, che ha l’utilità simile a quella, per esempio, del Gambero Rosso e della Guida Michelin per i locali di ristorazione e di Trip Advisor per le strutture ricettive.




La MAP sceglie sempre con cura i locali per i suoi eventi, proprio perché le sta a cuore facilitare gli associati con mobilità ridotta, ma con forte spirito indipendente. Nessun locale, fin’ora, ha meritato il Mobility Access Pass senza dover apportarvi qualche modifica o integrazione.
Purtroppo, riscontriamo dettagli che inficiano progetti, che sembrano rispettare, apparentemente, la norma riguardante il superamento o abbattimento delle barriere architettoniche. I nostri incontri pubblici, offrono anche ai gestori dei locali un’occasione preziosa di riflessione su come scegliere correttamente gli accessori per il design universale e su come gestire adeguatamente le proprie strutture, questione tutt’altro che marginale, perché un conto è l’accessibilità dei locali aderente alla normativa e altro è garantirne la fruibilità.

Per concludere, offriamo un’informazione strategica ai nostri associati disabili. Al bar Movida si accede grazie ad una rampetta leggermente curva, situata all’entrata secondaria. Il bagno è sufficientemente ampio per accedervi con carrozzina; tuttavia, il lavandino non è pensato per l’utilizzo da parte di utenti disabili. Naturalmente tutto è adeguabile con poche risorse, basterebbe solo un po’ di sensibilità, da parte dei gestori, ma soprattutto dei progettisti.

Fabio Piccinin
02/10/2017

Condividi!

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

Notificami
avatar
wpDiscuz
Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE