MAP

Nuova vita a molti disabili grazie alla robotica

I grandi successi del mondo della robotica trovano applicazione negli ausili destinati ai disabili con benefici entusiasmanti. Con l’evolvere della ricerca e le nuove invenzioni crescono anche le speranze e le aspettative, in molti vedono la possibilità di cambiamenti importanti nella vita della persone.

Negli ultimi anni, grazie agli investimenti nella ricerca scientifica, molte prestazioni ad esempio delle carrozzine elettriche sono migliorate e così, grazie a queste nuove risorse, i disabili motori hanno acquistato maggiore autonomia.

Le disabilità che riducono l’autonomia purtroppo sono tantissime e in varia misura, ma grazie a ricercatori e imprenditori lungimiranti, si sono ottenuti dei risultati incredibili con gli impianti cocleari.  Esiste già un numero importante di persone che ne trae beneficio. Un ragazzo siciliano, Davide Santacolomba, è un pianista affermato ma è sordo dalla nascita e grazie a questa tecnologia ha potuto migliorare la sua vita. Tuttavia, per gli elevati costi questi strumenti non possono essere alla portata di tutti. La nostra associazione MAP sostiene che tutti i dispositivi e ausili in grado di rendere più dignitosa ed indipendente la vita, dovrebbero essere accessibili a tutti e non solo ai disabili più abbienti.

Altri esempi incoraggianti per i disabili li possiamo notare nel settore delle protesi che sostituiscono perfettamente arti amputati con valenze estetiche interessanti. Conoscendo il funzionamento di una mano, sembrerebbe impossibile poterla sostituire con una protesi, eppure, oggi riprodurre la complessità dei movimenti di ogni singolo dito, oltre alla presa degli oggetti, è possibile.

Vi segnaliamo l’interessante video dell’Istituto Italiano di Tecnologia su “ReHand Adaptive Grasps” che illustra alcuni esempi dell’applicazione della bionica.




Ci sono anche grandi speranze riguardo all’utilità dell’esoscheletro, un dispositivo che sorregge il corpo e lo mantiene eretto. Grazie a questo ausilio le persone incapaci di stare in piedi riescono a camminare e a fare movimenti che altrimenti risulterebbero impossibili.

Anche per le persone totalmente cieche o ipovedenti ci sono dei sistemi innovativi, uno di questi è una protesi robotica, un occhio bionico. Da quelle che erano fantasie da film di fantascienza, si sta arrivando alla realizzazione di strumenti futuristici e tutto sta accadendo con una grande rapidità.

Oggi nel mercato si trovano automobili che si guidano da sole, rilevano i pericoli in tempi più veloci -rispetto alla percezione umana- e altre parcheggiano grazie alla presenza di sensori. Tutti questi ausili sono fantastici specie per le persone che hanno la necessità di essere supportate nella guida, insomma possono semplificare la vita anche dei meno giovani che comunque devono rimanere produttivi e competitivi nel mondo del lavoro fino a tarda età. Sappiamo che basta anche un semplice torcicollo per limitare il movimento e impedire la torsione per poter fare la retromarcia con sicurezza. Per avere l’auto completamente “autonoma” ci vuole ancora un po’ di tempo, ma molti strumenti sono già utilizzabili.

Non dimentichiamo che ci sono sviluppi tecnologici riguardanti anche il settore residenziale, a partire dalla struttura dell’edificio, fino all’arredamento. L’argomento della domotica è attualissimo ed è talmente ricco che richiede di essere trattato specificatamente.

Per concludere, speriamo di poter contare su molti più investitori nella ricerca scientifica, dedicata al settore della bionica, anche grazie a politiche premianti in termini di defiscalizzazione. Noi siamo positivi e crediamo che la tecnologia possa supplire in futuro a molte disabilità oggi ancora considerate limitanti la vita autonoma.

Katia Casasola,
19/12/2017

Condividi!

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
  Subscribe  
Notificami
Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE