MAP

Buonumore, cinque trucchi quotidiani per conseguirlo

“Il cattivo umore è l’evadere dalla realtà; il buon umore è accettarla”.
(Malcolm Muggeridge)

 

La condizione di disabilità, in particolare quando non si acquisisce dalla nascita, può rappresentare un grande ostacolo al proprio buonumore, ma solo nel caso in cui non si riesca ad elaborare il dispiacere. Come responsabile dell’associazione MAP dell’area dedicata alla “Crescita personale”, per superare il disagio quotidiano, suggerisco cinque trucchi per essere di buon umore ogni giorno, comunque sia la propria condizione.

Non tutti i giorni ci svegliamo di buonumore, e sembra che tutto vada storto. Volendo possiamo rimediare, tenendo conto che dentro di noi c’è un “bambino” che va nutrito e considerato. Quello che posso fare è darvi una piccola ricetta: magari non risolve sicuramente la vostra malattia o la vostra disabilità, ma perlomeno tentiamo di stare meglio dal punto di vista del tono umorale.




Buonumore in 5 passi

  1. Fate qualcosa di strano.
    Potete inventarvi qualcosa di strano per conto vostro, o qualcosa che sia utile agli altri. Ad esempio, potete lasciare libri che non leggete più in giro per la città su posti strategici, o disponete in modo diverso i soprammobili del salotto. Il concetto è: create qualcosa di inusuale e strano con quello che avete in casa sottomano. Rompete qualche piccolo schema.
  2. Fate una passeggiata con la macchina fotografica.
    Uscite con la macchina fotografica (ma oggi abbiamo tutti il telefonino) con l’intento di fare qualche foto bizzarra e inusuale. E’ un buon modo di colorare positivamente la giornata. Se l’intento è quello di fare foto speciali, la conseguenza sarà che la consapevolezza nostra e di ciò che ci circonda si amplificherà con ricadute positive sull’umore.
  3. Respiro e consapevolezza.
    Respirate tre volte in maniera consapevole con questo criterio:
    • respirate e prestate attenzione alle sensazioni che arrivano;
    • respirate e sorridete;
    • respirate e connettetevi a un senso di gratitudine.
  4. Gratitudine.
    Fermatevi e fate una breve lista di 5 cose qualsiasi, però che vi gratifichino. Si sta pochissimo e fa bene pensarci durante la giornata. Possono essere cose banali ma, che banali non lo saranno più, vista la buona associazione che voi farete alla gratitudine.
    Esempio: sono grato per le coccole del mio cane, la mozzarella fresca, il sistema di rinnovo on-line del telefonino, il meteo che prevede bel tempo, le scarpe comode che indosso, ecc…
  5. Accarezzate un animale domestico.
    Come…non avete un magnifico animale domestico? E’ ora che ne adottiate uno. Il vostro umore ne risentirà positivamente.

Buonumore a tutti!

Fabio Piccinin,
Vicepresidente MAP
08/03/2018

Condividi!

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
  Subscribe  
Notificami
Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE