MAP

Fondi UE:“No-barrier”, 13 itinerari turistici accessibili tra Italia e Grecia

No-Barrier è la denominazione del progetto finanziato dall’Unione europea (UE) e cofinanziato dal Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR) con un budget di circa 1,4 milioni di euro per un programma di cooperazione tra Italia e Grecia. L’acronimo inglese del progetto
-letteralmente significante: senza barriere- rappresenta anche l’etichetta identificativa dei luoghi turistici accessibili alle persone con disabilità di vario tipo.

Il programma di cooperazione “Grecia-Italia”

Risale al 28 marzo del 2008 l’approvazione da parte della Commissione europea (CE) del programma operativo di cooperazione transfrontaliera tra la Grecia e il nostro Paese ed è durato 5 anni. Il programma è nato con l’obiettivo generale di rafforzare la competitività e la coesione territoriale tra i paesi europei nell’area del Mediterraneo, con un’elevata vocazione turistica, in un’ottica di sviluppo sostenibile e inclusivo. Pertanto, sono state previste azioni per migliorare il collegamento e l’accessibilità dei mercati -delle diverse comunità interessate dal progetto- mediante il trasferimento di know-how e la creazione di strutture nelle aree più disagiate (con basso prodotto interno lordo) migliorando così anche l’attrazione degli investitori.
Nel periodo 2007-13 il programma è stato dotato di un bilancio complessivo di circa 117 milioni di euro, mentre il FESR, finanziamento comunitario, di circa 88 milioni di euro ovvero pari a circa l’1,0% dell’investimento comunitario, stanziato per le politiche di cooperazione territoriale nel medesimo quinquennio. Vediamo quali sono gli obiettivi specifici della cooperazione transfrontaliera:

  1. Rafforzare la competitività e l’innovazione  di circa  il 28%.
  2. Migliorare l’accessibilità a reti e servizi sostenibili di circa il 25%.
  3. Migliorare la qualità della vita, la protezione dell’ambiente, la promozione della coesione sociale e culturale di circa 41%.
  4. Aumentare l’assistenza tecnica di circa 6%

Il progetto europeo No-Barrier in sintesi

No-Barrier, finanziato nell’ambito del programma ETCP Grecia – Italia 2007 – 2013 Asse III Misura 3.3, No-Barrier si è incentrato -come dice l’acronimo- sul turismo senza barriere per tutte le disabilità: psico-fisiche, sensoriali e intellettive. Si tratta di un progetto che meriterebbe di essere studiato con attenzione, non solo dai decisori politici e amministratori pubblici, ma anche dalle associazioni no profit come la nostra -impegnate nella promozione e difesa dei diritti dei disabili- poiché costituisce un innovativo approccio sistemico e rappresenta un caso di eccellenza, selezionato tra le best practice di cooperazione territoriale nell’ultima Conferenza sullo stato di attuazione della Convenzione ONU sui disabili da parte dell’Ue, celebratasi a Salonicco in Grecia.

I Partner del progetto

L’idea del consorzio è tutta italiana: coordinato dalla Città Metropolitana di Bari e partecipato, per la maggior parte, da enti pubblici nostrani.  Hanno dato vita al progetto sette partner istituzionali e due tecnici :

  • La Provincia di Lecce.
  • Comuni di Bari e di Nardò.
  • l’Università di Bari.
  • L’IPRES – Istituto di Scienze economiche e sociali.
  • Il CIRPAS – Università di Bari “Aldo Moro”.
  • le Regioni della Grecia Occidentale e delle Isole Ionie.




Gli obiettivi di No-Barrier

  1. Attuare e promuovere azioni di ricerca o interventi mirati a individuare e valutare i casi nazionali e internazionali, sensibilizzare gli operatori culturali e turistici nonché le autorità locali sul tema dell’accessibilità per tutti.
  1. Sviluppare e sperimentare metodi e strumenti per “certificare” e rendere riconoscibili e visibili luoghi accessibili, creando un sistema di attribuzione di “etichette” condivise con le associazioni di persone con disabilità.
  1. Dimostrare che l’eliminazione delle barriere materiali e immateriali è fattibile economicamente e socialmente, attraverso interventi strutturali per rendere accessibile una spiaggia, il miglioramento dei servizi di informazione per i disabili, la realizzazione e diffusione di strumenti (“itinerari senza barriere”) per promuovere luoghi accessibili.
  1. Creazione di una rete di relazioni stabili, tra gli attori coinvolti, con l’obiettivo di adottare metodi e strumenti basati su accordi duraturi.
  1. Accelerare il processo di “destagionalizzazione dei flussi dei visitatori” nel campo del turismo socio-culturale al fine di ottimizzare le risorse locali disponibili, aumentare la competitività e la redditività delle strutture e infrastrutture, creando le condizioni sostanziali per nuove opportunità per tutti, e concretamente organizzando pacchetti turistici adeguati al target di riferimento.
  1. Attivare un approccio innovativo, multidimensionale e multidisciplinare, per coinvolgere i settori turistico e sociale, in una stretta sinergia, quindi proponendo una visione innovativa dello sviluppo economico.

I tredici itinerari etichettati “No-Barrier”

Gli itinerari turistici sono stati individuati sia per l’attrattiva culturale-paesaggistica dei luoghi e sia per la fruibilità di strutture e infrastrutture, incluse quelle di assistenza sociosanitaria, indispensabili per le persone che soffrono di particolari infermità. Vediamo di seguito quali itinerari turistici sono stati proposti:

Nella provincia di Bari gli itinerari sono cinque: “La città di Bari”; “Le gravine e Altamura” (Comuni di Gravina di Puglia e Altamura); “Costa Adriatica e dintorni” (Mola di Bari, Rutigliano, Conversano, Polignano a Mare, Monopoli); “Aragonese” (Giovinazzo, Bitonto e Molfetta); “Valle d’Itria” (Castellana Grotte, Alberobello, Locorotondo, Putignano).

Nella provincia di Lecce gli itinerari sono cinque: “Dal Barocco alla foresta di Lecce” (Lecce, Parco di Rauccio); “Terra d’Otranto: verso oriente, da Castro a Otranto” (Castro, Otranto, Parco naturale “Costa d’Otranto” Santa Maria di Leuca); “Itinerario Ionico: dalla Città Bella alla messapica Ugento” (Gallipoli, Ugento, Parco naturale Litorale di Ugento); “Finibus Terrae: verso sud, dal Borgo di Specchia al Capo di Leuca” (Specchia, Santa Maria di Leuca); “Nella natura: dall’agro Neretino a Porto Cesareo” (Nardò, Parco naturale Porto Selvaggio, Porto Cesareo e sua area protetta).

Nella provincia di Brindisi gli itinerari sono due: “Porta d’Oriente: l’alto Salento, da Brindisi a Torre Guaceto” (Brindisi, Riserva naturale Torre Guaceto) e “Tra gli oliveti della Città Bianca” (Ostuni, Area rurale, Parco Naturale Dune Costiere).

Infine, in Grecia è stato proposto solamente un itinerario turistico, ma molto impegnativo e interessante: “Alla scoperta dei Giochi di Olympia”, nel Peloponneso (Katakolo, Pyrgos, Ilidas, Olympia, Skafidias).

Scarica qui gratuitamente il depliant e l’App  degli itinerari accessibili etichettati “No-Barrier” compilando il seguente formulario:
N.B.: L’invio del presente formulario equivale all’autorizzazione del trattamento dei dati ai sensi della legge della privacy in vigore.

I commenti e le domande sono bene accetti.

* indicates required field

Giovanna Barbaro
22/08/2017

Condividi!

Lascia una recensione

avatar

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Subscribe  
Notificami
How to whitelist website on AdBlocker?

How to whitelist website on AdBlocker?

  1. Click on the AdBlock Plus icon on the top right corner of your browser
  2. Click on "Enabled on this site" from the AdBlock Plus option
  3. Refresh the page and start browsing the site

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi