MAP

Esoscheletro per paraplegici: tecnologie a confronto

Esoscheletro Phoenix

Gli artropodi (insetti, crostacei, aracnidi…) si muovono perché i loro muscoli si innestano su una struttura di cheratina, detta esoscheletro. L’idea di una armatura fantascientifica, come quella del film Iron Man, è ormai diventata una realtà commerciale in crescita. Come molte altre tecnologie di punta, l’esoscheletro è un dispositivo nato dalla ricerca militare, con lo scopo di aumentare la forza e la resistenza dei soldati delle truppe speciali durante operazioni estreme, in zone molto impervie e prive di supporto logistico. Non a caso, alcuni dei produttori sono aziende vincolate in qualche modo al mercato degli armamenti, o radicate in paesi fortemente militarizzati, dove la perecentuale di mutilati di guerra e atti di terrorismo è elevata.

Per chi soffre di mobilità ridotta, l’esoscheletro è un valido dispositivo ausiliare, molto di più di un semplice servomeccanismo amplificatore della forza. Si tratta di un dispositivo deambulatorio che, rispetto alla carrozzina motorizzata, presenta una serie di vantaggi:

  1. E’ più leggero (circa 12 kg, batterie comprese) e meno ingombrante.
  2. Consente molte ore di autonomia. Il record mondiale è di 15 km, percorsi in 4 ore da una ragazza paraplegica con un modello di produzione israeliana.
  3. E’ fisiologicamente più conveniente, perché consente di alzarsi in piedi e favorisce la circolazione sanguigna.
  4. E’ più facile da trasportare in auto.
  5. Da un punto di vista psicologico, aiuta il disabile a non sentirsi “diverso”.
  6. La possibilità di alzarsi in piedi consente di raggiungere oggetti posti in ripiani rialzati, migliorando l’autosufficienza nell’ambito domestico o lavorativo.




Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Manuela Migliaccio, la studentessa italiana rimasta paraplegica nel 2009 in seguito a un incidente, batte il record di distanza percorsa con un esoscheletro. Fonte: Il Corrierere TV

Modelli di esoscheletri disponibili nel mercato

  • Rewalk, ormai alla sesta generazione di esoscheltri, è prodotto in Israele dalla Argo Medical e distribuito in Italia dalla Progettiamo Autonomia srl.  Il costo di acquisto della versione per uso personale si aggira attorno ai 70.000 €, il noleggio 1.500 €/mese.
  • EKSO, prodotto dalla Ekso Bionics negli Sati Uniti, è un esoscheletro pensato fondamentalmente per l’uso in centri di riabilitazione. In Italia ci sono quattro centri dotati di tale attrezzatura alla data odierna. Il prezzo si aggira attorno ai 100.000 €
  • Indego, prodotto negli USA dalla Parker Hannifin Corp., è un esoscheletro progettato per uso personale, che pesa poco meno di 13 kg (26 lb). Costa circa 80.000 €.
  • HAL, prodotto in Giappone dalla Cyberdyne, è qualcosa di più di un esoscheletro: il fabbricante lo definisce come “un cyborg indossabile”. A differenza dagli altri modelli, che richiedono l’uso di stampelle e si azionano spostando il baricentro del corpo avanti e dietro, HAL possiede dei sensori neuronali e una interfaccia che decodifica gli impulsi nervosi, consentendo di controllare i servomotori mediante il pensiero. Il modello HAL-ML05 è specificamente progettato per ridare la mobilità ai disabili. La Cyberdyne però non vende i suoi prodotti a privati: solo sono disponibili a noleggio, atraverso delle cliniche e centri specializzati. 
  • La divisione robotica della Honda produce Walking Assist, un dispositivo di aiuto alla deambulazione che però non si può considerare un vero esoscheletro, perché solo agisce come supporto al bacino e alle cosce.
  • HUMA (Hyundai Universal Medical Assist) è il modello in fase di sviluppo nei laboratori dei colosso coreano dell’automobile Hyundai. Ancora non è disponibile per l’acquisto.
  • REX è prodotto in Nuova Zelanda dalla Rex Bionics. A differenza di HAL, non è collegato ai neuroni del paziente, ma non richiede neanche l’utilizzo di stampelle, permettendo di stare in piedi e mantenere le mani libere. Per camminare, l’utente utilizza due maniglie dotate di commandi, poste all’altezza del bacino. Il prezzo si aggira attorno ai 100.000 €.
  • Phoenix (foto in evidenza) è un exoscheletro sviluppato congiuntamente dall’azienda italiana MES spa, l’Università di Camerino e l’Università di Berkeley. Pesa circa 12 kg e costa attorno ai 40.000 €. E’ distribuito dalla Better Life spa, la divisione medicale della MES Spa.
  • Exoatlet è prodotto in Russia. Contrariamente alla consuetudine nel mercatro degli esoscheletri, è nato come dispositivo di aiuto ai disabili, ma l’azienda si sta orientando ora verso le applicazioni militari e industriali. Il prodotto sembra ancora in fase pre-industriale, pesa 20 kg ma l’azienda dichiara che riuscirà a decurtare 5 kg con alcuni miglioramenti tecnici.

Sustainable Technologies,
29/01/2018

Condividi!

Lascia una recensione

avatar

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Subscribe  
Notificami
How to whitelist website on AdBlocker?

How to whitelist website on AdBlocker?

  1. Click on the AdBlock Plus icon on the top right corner of your browser
  2. Click on "Enabled on this site" from the AdBlock Plus option
  3. Refresh the page and start browsing the site

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi