MAP

Nissan X Trail 4 dogs: auto per i cani ma non per i disabili

nissan Xtrail 4 dog

Dopo la presentazione della Nissan X Trail 4 Dogs nel 2017, avendo superato ampiamente il mezzo milione di visite del video pubblicitario su You Tube, la casa giapponese lancia finalmente un pacchetto di accessori per il suo popolare SUV, pensato per la comodità degli amici a quattro zampe,i cani in particolare. E l’auto pensata per facilitare la vita dei disabili, quando?

Secondo quanto riferito dal giornale Quattro Ruote, la Nissan X Trail 4 dogs nasce da un sondaggio condotto tra oltre 1.300 proprietari di cani, con il 90% degli intervistati propensi ad acquistare modelli più orientati al trasporto di animali. Secondo l’agenzia ANSA, la versione in commercio è un restyling del prototipo presentato nel 2017, concepito come un modulo che si può installare nelle versioni di serie della gamma X Trail per le gite in compagnia degli animali, rimovibile facilmente per igienizzare e ripristinare lo spazio del bagagliaio. Un vero virtuosismo del design, il sistema include doccia e phon per lavare il cane dopo le scampagnate, in modo da riportarlo a casa pulito, e un ulteriore sistema di asciugatura integrato (presumibilmente utilizza il calore dal motore per riscaldare un getto di aria). Il veicolo include anche un videointercomunicatore fra il posto guida e il vano “portacane”, in modo da poter interagire con l’animale durante il viaggio.
Ci viene spontaneo chiederci se tale dotazione sia davvero necessaria, ma soprattutto se sia sicura, in quanto costituisce una distrazione per chi è alla guida, da sommare all’ormai irrinunciabile telefonino.




Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

I designer dalla casa giapponese hanno perfino concepito una rampetta pieghevole per rendere il vano portabagagli (o in questo caso dovremmo dire portacani) accessibile agli esemplari di piccola taglia.

Come spieghiamo questo scoppio di sensibilità verso il benessere degli animali? Forse con i valori della filosofia  zen:il vivere in armonia con tutti gli esseri viventi esteso ad una nuova imprenditorialità, più etica? Dai dati pubblicati dall’agenzia ANSA, la risposta fa pensare a tutto il contrario: l’Italia è uno dei principali mercati del pet-food e delle strutture accessibili per gli animali (circa il 50%) con 10.000.000 di cani registrati nel territorio nazionale. Se invece andiamo ad indagare nei dati pubblicati dall’ISTAT (dati 2013, tratti dal portale Disabilità in Cifre), i disabili italiani sono circa 3.167.000, dei quali 1.513.000 affetti da disabilità di tipo motorio, dei quali il 52% guida un’automobile per gli spostamenti. Quindi il mercato potenziale di auto speciali per disabili sarebbe non più di 786.760 unità. La cruda realtà, cari associati, è che il segmento di mercato indirizzato al trasporto dei cani rende di più di quello dei disabili.E’ più facile progettare un accessorio, da installare come “optional” in un veicolo di serie rivolto a 10.000.000 potenziali acquirenti, che non sviluppare una piattaforma di veicoli specificamente concepiti per disabili. Niente zen o etica dunque, solo logica di marketing, o meglio di profitto.

Mario A. Rosato,
Associato MAP- Veneto
10/02/2018

Condividi!

Lascia una recensione

avatar

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Subscribe  
Notificami
How to whitelist website on AdBlocker?

How to whitelist website on AdBlocker?

  1. Click on the AdBlock Plus icon on the top right corner of your browser
  2. Click on "Enabled on this site" from the AdBlock Plus option
  3. Refresh the page and start browsing the site

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi