MAP

Sclerosi multipla: le vittorie

Il successo non è definitivo,

il fallimento non è fatale.

Quel che conta è il coraggio di continuare.

(Winston Churcill)

La frase di Winston Churcill, in coda al film The darkest hour- L’ora più buia (Oscar a Gary Oldman per la sua interpretazione dello statista inglese) è certamente adattabile all’esistenza umana, con i suoi inevitabili alti e bassi. Ma calza bene anche a una malattia imprevedibile e mutevole come la Sclerosi Multipla che tanto spesso (almeno nella sua forma più comune di Recidivante – Remittente) sembra regredire, illudendo a volte della sua scomparsa, per poi manifestarsi ancora e con maggior evidenza. Questi suoi “andirivieni” non dovrebbero mai far perdere, però, la voglia, e il coraggio, appunto, di continuare a combatterla.

Ad oggi, pur se la ricerca procede incessantemente, non esiste una vittoria assoluta contro la SM, ma esistono vittorie diverse come diversi sono i modi che ogni malato impiega per attenuarne il dominio, ciascuno come può, come sente, come riesce e come vuole.
Una “vittoria” è senz’altro quella di non far diventare la malattia pensiero dominante e padrona assoluta della propria esistenza- sostiene la giornalista Fiamma Satta.
Serve veramente dedicare ogni pensiero, ogni azione, ogni singola scelta della giornata alla guerra contro la SM? Non è forse questa la strada, invece, per farsi invadere e possedere davvero nel profondo dalla malattia? Non è forse questa la vera “sconfitta”? E serve veramente chiedersi in continuazione “Perché è toccato a me portare questo peso?” Una domanda inutile che ne meriterebbe subito un’altra a seguire: “E perché proprio io avrei dovuto esserne esente?”. (All’argomento è dedicato il capitolo “La domanda” del romanzo IO E LEI- Confessioni della Sclerosi Multipla nel quale, per la prima volta in letteratura, l’IO del titolo e voce narrante è la malattia di Fiamma Satta).




Ecco, io credo che, nei limiti del possibile, si riesca a riportare “vittorie” gratificanti sulla SM dedicandosi anche a quel che possa riempire anima, testa e cuore. Affetti, amicizie, lavoro, interessi, passioni, hobbies, natura, attività domestiche… Non è poco. Ad ogni modo, un fatto è certo: l’unica grande e indiscussa vittoria nei confronti della malattia, di ogni malattia, è la sua accettazione. Infatti, più viene temuta, e quindi negata, rimossa, ignorata o peggio, presa sottogamba, più la sconfitta sarà cocente.

Articolo di Fiamma Satta, pubblicato nel suo blog Diversamente Aff-abile.

Trascritto e adattato da Mario A. Rosato,
associato MAP Veneto,
30/3/2018.

Condividi!

Lascia una recensione

avatar

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Subscribe  
Notificami
How to whitelist website on AdBlocker?

How to whitelist website on AdBlocker?

  1. Click on the AdBlock Plus icon on the top right corner of your browser
  2. Click on "Enabled on this site" from the AdBlock Plus option
  3. Refresh the page and start browsing the site

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi