Rotta su Torino e un’app per disabili

Navigando in internet, per organizzare il prossimo evento “Aperitivo inclusivo con MAP” a Torino, la nostra associazione ha intercettato un blog molto carino “Rotta su Torino” di un’architetta pubblicista che vive in città: Laura Cardia.

Nel suo blog, ricco di curiosità di ogni genere, abbiamo trovato un articolo che descrive una mobile app ToTo4all per turisti disabili, motori e non vedenti, che ripubblichiamo per i nostri associati:

“L’app può essere scaricata dal sito www.torinotourforall.it. Propone un percorso circolare, da piazza Castello a piazza Castello, toccando trenta punti di interesse, divisi per categorie (Botteghe storiche, Chiese, Edifici storici e musei, Siti archeologici, Monumenti e Architetture urbane). L’itinerario può essere seguito con quattro impostazioni differenti, che forniscono le informazioni in base alle disabilità: mobilitàipovedentinon vedentiuditiva. Scelta l’impostazione, si potrà seguire l’itinerario con descrizioni audio, con video con la lingua dei segni, con testi che forniscono informazioni sulle caratteristiche delle pavimentazioni e sull’accessibilità dei vari monumenti o luoghi di interesse che si incontreranno; nell’impostazione ipovedenti, i testi potranno essere ingranditi fino a essere comodamente leggibili. In questo modo i turisti disabili potranno visitare Torino in modo autonomo e potranno godere delle bellezze della città con descrizioni che li rendono partecipi e indipendenti.
Torino è la prima città italiana a dotarsi di un’app studiata appositamente per il turismo delle persone disabili. Ci sono numeri che fanno pensare alle grandi potenzialità di questo settore turistico: in Europa i turisti disabili disposti a viaggiare sono 36 milioni, ma solo 6 milioni riescono a viaggiare sul serio, anche perché le difficoltà a cui vanno incontro le persone che non sono autonome non sono poche, soprattutto in città sconosciute, che parlano lingue straniere. Se pensiamo che è molto difficile che una persona disabile possa e voglia viaggiare da sola, i numeri almeno raddoppiano: in Europa ci sono circa 60-70 milioni di persone disposte a viaggiare, ma bisognose di un’accoglienza ‘diversa’. In Italia il numero è di circa 6 milioni di persone. Si parla, come si può vedere, di numeri davvero importanti, di grandi potenzialità, se le persone vengono accolte con il rispetto e la disponibilità loro dovuti.

ToTo4All non è un episodio isolato, nell’impegno della città ad accogliere il turismo delle persone disabili. Torino appartiene infatti alla League of Accessible and Historical Cities, che è un progetto dello European Foundation Center, per promuovere l’accessibilità dei centri storici. Le sei città europee finora coinvolte sono, oltre a Torino, Ávila (Spagna), Mulhouse (Francia), Lucca, Sozopol (Bulgaria), Viborg (Danimarca). Avviato nel 2010, e implementato grazie a 11 fondazioni (a Torino la Fondazione CRT), il progetto intende non solo permettere alle persone disabili di godere delle attività culturali e dei centri delle loro città, ma anche stimolare il loro turismo. “Promuovere l’accesso al patrimonio culturale delle città significa renderle più dinamiche e attraenti ai residenti e ai turisti, aumentando anche il loro valore economico” si legge nella pagina web del progetto (in inglese). La scheda su Torino spiega che “è una delle città italiane più accessibili per i turisti disabili, grazie alla varietà d strutture e di servizi offerti in base alle esigenze delle persone con problemi di natura motoria o che hanno bisogno di particolare assistenza”. (Laura Cardia, Torino, 22/02/2015)

A distanza di quattro anni dal lancio di Toto4all notiamo che la pagina web (http://www.torinotourforall.it) indicata nell’articolo, qui ripubblicato, non funziona e che pure le recensioni su App Store non superano una stella, pur essendo gratis, nel 2017 chi l’ha usata dichiara:

“Non si riesce a connettersi nè sotto Wi-Fi nè sotto 4G. Appare sempre la scritta “Lack of connectivity.Try later”. Chiedo agli sviluppatori di risolvere il problema: vi prego, è un’app unica in Italia per le persone con disabilità!! (livestrong37492)

Concludiamo, affermando che l’esigenza di una mobility app per la navigazione facilitata è testimoniata anche da quest’ultima richiesta, a quanto pare senza risposta pubblica. Pertanto, chiunque fosse a conoscenza di strumenti similari funzionanti è invitato a darci notizia, affinché possiamo condividerla e testarla.

Giovanna Barbaro
Dir. del CTS Protocollo MAP,
14/10/2018

Commenta nelle tue reti sociali!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia una recensione

avatar

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Subscribe  
Notificami

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi