IL PROBLEMA: TEMPI D’ATTESA INSOSTENIBILI

Dopo quasi due anni di pandemia, la Sanità pubblica nazionale e di riflesso anche quella privata mostrano evidenti segni di cedimento: gli operatori sono in affanno per sovraccarico di lavoro e di conseguenza i pazienti si vedono ridotti i loro diritti, come ad esempio ricevere l’assistenza in tempi utili.

Tramite i nostri associati abbiamo raccolto testimonianze drammatiche: famigliari ed amici, ricoverati e abbandonati a se stessi, in balia delle loro sofferenze ed ansie alcuni sono spirati in solitudine disumana.
Infatti, in moltissimi centri sanitari lo smistamento delle richieste in base a un reale ordine di priorità ha evidenziato enormi difficoltà organizzative, suscitando tensione tra gli operatori e di conseguenza tra i pazienti, privati anche del contatto umano dei prorpi cari a causa del perdurare dello stato di emergenza per il covid e le sue varianti. Insomma, si tratta di un problema che ha imboccato il binario sbagliato, quello che porterà inesorabilmente a alla graduale riduzione dei diritti in generale dei cittadini e in particolare dei pazienti più fragili, destinando la prevenzione ad un servizio lussuoso solo per pochi.

Oggi più che mai viviamo in uno scenario politico e amministrativo caratterizzato dalla totale indifferenza di fronte al deleterio eccesso di burocrazia nella Pubblica Amministrazione. In circa due anni il sistema nazionale non è riuscito a garantire ai propri cittadini gli standard per un’assistenza dignitosa, o quantomeno umana, a tutti. In questo drammatico contesto d’insicurezza ed incertezze, la nostra associazione MAP, da sempre impegnata a sensibilizzare l’opinione pubblica sulle questioni d’inclusione sociale e di iniquità paradossali del sistema del sociale, si sta addentrando sempre di più in progetti di domotica, grazie al prezioso contributo dell’italianissima Microdevice. Di seguito abbiamo il piacere di presentare una possibile soluzione al problema riscontrato.

LA SOLUZIONE: CHIAMATA DEGENTE DOMOTICA

Grazie alla domotica, la gestione delle risorse umane in modo efficace ed efficiente può, non solo consentire un’assistenza di qualità ai degenti, con positive ricadute psicologihe e fisiche, ma soprattutto è  fondamentale per prevenire danni maggiori dovuti ai ritardi nell’assistenza.

La Microdevice ci ha edotti riguardo il sistema di building automation Hospital Supervisor, studiato appositamente per garantire interventi rapidi da parte degli operatori sociosanitari in reparto e il monitoraggio dei tempi di soccorso. Abbiamo compreso l’importanza dell’introduzione della domotica nelle cliniche per creare un clima di lavoro il più possibile sereno tra gli assistenti e quindi di riflesso sulla qualità delle prestazioni erogate ai degenti.

COME FUNZIONA IL SISTEMA

La Microdevice ci spiega com’è nato Hospital Supervisor. Il prodotto è stato progettato con il precipuo obiettivo di tutelare il benessere del degente e di agevolare le attività di assistenza del personale sociosanitario. Il Sistema consente una gestione della chiamata del paziente precisa e puntuale, riducendo i tempi di attesa e innalzando la qualità dell’assistenza. La chiamata del degente raggiunge in tempo reale le guardiole di reparto presidiate, dove l’operatore può visualizzare a video un messaggio di allarme accompagnato da un segnale acustico.
Inoltre, il Sistema fornisce le informazioni relative ai numeri di stanza e di letto del paziente, unitamente a un’indicazione sulla gravità e la priorità della richiesta. Contestualmente alla chiamata, Hospital Supervisor, attiva automaticamente una luce tranquillizzante all’interno della stanza e, al suo esterno, un segnale lampeggiante per guidare il personale in struttura.
Per garantire il corretto presidio notturno dei reparti, con Hospital Supervisor le guardiole diventano dinamiche. Tutte le richieste di assistenza dei pazienti raggiungono il personale nelle aree realmente presidiate. Quando un operatore raggiunge la stanza da cui ha ricevuto la chiamata, inserendo il badge nell’apposito lettore, comunica al Sistema la sua posizione. In base a questa informazione, le successive richieste di assistenza verranno inviate alla stanza in cui l’operatore sta prestando servizio, garantendo che la chiamata vada a buon fine. La richiesta di assistenza è accompagnata da un segnale acustico nella stanza in cui si trova l’operatore e da un segnale
luminoso nei corridoi, per non disturbare gli altri pazienti.

CARATTERISTICHE DEL SISTEMA MICRODEVICE

Il sistema Hospital Supervisor fornito dalla Microdevice registra nel suo archivio storico il tempo trascorso tra la chiamata e l’intervento del personale, così come la durata media di ogni assistenza. L’obiettivo del sistema è triplice:

  • garantire la miglior assistenza al paziente,
  • rassicurare i famigliari circa le cure ricevute dal degente
  • tutelare il personale dimostrando che l’intervento è avvenuto correttamente.

In 30 anni di attività, la Microdevice ha sempre integrato ogni nuova funzionalità nelle successive versioni del Sistema, rendendole patrimonio comune di tutti i clienti nell’ottica del m iglioramento continuo grazie anche all’ascolto delle varie istanze attraverso associazioni come la nostra.

****

ALTRE PUBBLICAZIONI UTILI

ATTIV@BILI, l’assistenza sanitaria domiciliare smart

RICHIEDI APPROFONDIMENTI

Se dirigi una clinica, una RSA o un cohousing per persone con esigenze speciali, o sei un progettista, puoi scriverci per ricevere informazioni personalizzate sul sistema sopra illustrato e molto ancora. Ricordiamo che a tutti i nostri associati riserviamo opportunità esclusive:

Fai clic o trascina i file su quest'area per caricarli.Puoi caricare fino a 5 file.
=